Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | Pensavo di essere venuto a pregare invece….

Pensavo di essere venuto a pregare invece….

 

V di Pasqua B

PENSAVO DI ESSERE VENUTO A PREGARE E INVECE…

volto_preghiera_300x241_copia.jpg 

Anche oggi, Signore, sono venuto qui per stare con te, per pregarti ma il Vangelo di ieri mi ha ricordato una grande verità che troppe volte dimentichiamo.

Un giorno, tu hai pregato per me il Padre!

Quella preghiera percorre tutto il tempo della storia del mondo, già allora, duemila anni fa, tu pensavi a me, ero nel tuo cuore, nella tua mente, nei tuoi desideri….

“Io prego per loro, …. Per coloro che tu mi hai donato…” non intendeva solo i dodici discepoli ma tutti coloro che proprio tramite il Battesimo sono diventati suoi e quindi anche per me, per te…

Ti sei mai chiesto che cosa chiede Gesù al Padre quando gli parla di te?

Quando lo prega per te?

Cosa posso fare per essere sempre più simile a quello che Gesù desidera per me?

Dedica qualche momento a dare contenuto alla preghiera di Gesù su di te…

E dopo questo momento di esame di coscienza e di riflessione, al di là di quanto mi riguarda personalmente: i vizi da eliminare, i talenti da scoprire e valorizzare, gli atteggiamenti da modificare, le schiavitù da evitare, le generosità da aumentare…, Gesù chiede al Padre che tutti i suoi discepoli “siano una sola cosa, come noi!”

Gesù vuole da tutti i suoi che siano uniti, che si vogliano bene, che si rispettino, che si accolgano con le loro proprie diversità, e che come il Padre e il Figlio siano una sola cosa.

Anche su questo aspetto della mia vita, forse devo cambiare qualcosa, devo convertirmi…

Forse non basta fare la comunione magari tutti i giorno ma devo, continuamente fare un cammino di com unione, devo saper valorizzare gli altri, devo testimoniare con l’amore fraterno la bellezza di essere tutti figli dello stesso Padre e fratelli in Cristo.

Che posto hanno gli altri nella mia vita, nel mio cuore, nei miei pensieri?

Nella com unità sono uno che unisce o che divide?

Sono al servizio dei fratelli o mi servo di loro per me?

Il “mondo” rimane “colpito” per la nostra unità, per il nostro stile di vita fraterno, accogliente o “gode” della nostra cattiva testimonianza che ci assimila a una qualsiasi realtà “mondana”?

Allora adesso fermati a guardare (e ascoltare soprattutto) Gesù che prega per te…. che ha dato la vita per te e che vuole darti la Vita eterna e la gioia di gustare la piena comunione con Lui e con il Padre.

Don Mario   

Ultimo aggiornamento ( Sabato 02 Maggio 2015 12:33 )