Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | Lasciati interrogare

Lasciati interrogare

 

III Avv. Amb. A2

LASCIATI INTERROGARE

1176308_629718510393353_1061512547_n.jpg 

"Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?"

Ecco il dubbio di Giovanni Battista.

In prigione per amore della verità e per fedeltà alla sua missione, Giovanni, riflette sulla sua vita, sente vicino il giorno della sua morte e vuole essere certo di aver visto giusto, di non aver speso la sua vita per niente, di essersi comportato secondo la volontà di Dio.

Lui, così deciso ha un momento di dubbio, di crisi!

Non c'è da stupirsi, è proprio una caratteristica dell'uomo e soprattutto del credente quello di farsi sempre delle domande, di voler approfondire sempre di più i motivi del suo credere, la sua conoscenza del Signore e del suo progetto su di noi.

Cosa fa allora Giovanni?

Manda dei messaggeri a chiedere a Gesù di aiutarlo a risolvere i suoi dubbi.

Anche noi allora, non dobbiamo spaventarci se ci chiediamo il perché di quello che facciamo, della nostra fede, se ci domandiamo qual è la nostra vocazione. Diceva il Papa nella sua omelia del 29 Novembre:  Il Signore vuole che noi capiamo cosa succede: cosa succede nel mio cuore, cosa succede nella mia vita, cosa succede nel mondo, nella storia… Cosa significa questo che accade adesso? Questi sono i segni dei tempi! Invece, lo spirito del mondo ci fa altre proposte, perché lo spirito del mondo non ci vuole popolo: ci vuole massa, senza pensiero, senza libertà. Lo spirito del mondo, vuole che andiamo per una strada di uniformità. Il pensiero uniforme, il pensiero uguale, il pensiero debole, un pensiero così diffuso. Lo spirito del mondo non vuole che noi ci chiediamo davanti a Dio: 'Ma perché questo, perché quell’altro, perché accade questo?'. O anche ci propone un pensiero prêt-à-porter, secondo i propri gusti: ‘Io penso come mi piace!’. Ma quello va bene, dicono loro… Ma quello che lo spirito del mondo non vuole è questo che Gesù ci chiede: il pensiero libero, il pensiero di un uomo e di una donna che sono parte del popolo di Dio e la salvezza è stata proprio questa! Pensate ai profeti… ‘Tu non eri mio popolo, adesso ti dico popolo mio’: così dice il Signore. E questa è la salvezza: farci popolo, popolo di Dio, avere libertà”.

Dobbiamo fare come Giovanni, chiedere, informarci, parlare magari con un sacerdote che possa meglio aiutarci a capire la volontà del Signore.

Anche questo momento di adorazione devi riscoprirlo come un momento importante di riflessione, di ricerca e di approfondimento del tuo rapporto di amicizia con Gesù e della tua serietà nel seguirlo. Questa adorazione diventa anche la risposta che Gesù da alle tue domande, ai tuoi dubbi: la sua presenza nell'Eucaristia, nel silenzio del tuo cuore, negli amici che pregano con te, nel don in fondo alla chiesa....... sono segni concreti della sua vicinanza a te e strumenti che ti offre per crescere nella fede e nella comprensione della tua vita.

Non aver paura allora, mettiti nelle sue mani e impara da Giovanni, con forza e con decisione affronta i tuoi problemi e le tue domande, qui, oggi, sotto lo sguardo pieno di amore di Gesù Eucarestia. Guardati attorno e scopri i segni del regno di Dio che avanza, il bene che viene seminato ogni giorno nei confronti di chi ha bisogno da tanti uomini, donne, giovani e ragazzi che come Gesù si fanno prossimo a chi soffre… e chiedi di diventare anche tu segno vivente dell’amore di Dio………..                                                                       

 don Mario

Ultimo aggiornamento ( Sabato 30 Novembre 2013 23:53 )