Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | Aprite le finestre

Aprite le finestre

  Giornata Missionaria 2013 

Apri le finestre

finestre_aperte.jpg

 Di fronte ai discepoli che dubitavano (?!) Gesù non fa grandi discorsi ma dice “andate e fate discepoli tutti i popoli….”

Celebrare la Giornata missionaria è come aprire le finestre di casa, far entrare cioè aria fresca.

Di fronte alle nostre piccole “beghe” quotidiane, di fronte ai nostri egoismi e alle nostre pigrizie e dubbi, il Signore ci ricorda che dobbiamo uscire, andare nel “campo che è il mondo” ed annunciare il Vangelo a tutte le genti.

Ogni cristiano, se vero cristiano, dovrebbe sentire dentro di sé la spinta ad essere missionario, a portare dovunque l’annuncio della gioia che deriva dalla fede in Gesù.

Forse, però, dobbiamo cominciare da noi stessi, andare nelle “periferie” del nostro cuore, nei paesi “lontani” della nostra vita di tutti i giorni per portare la luce di Cristo.

Ci sono momenti, situazioni, rapporti nella nostra quotidianità che non sono ancora illuminati dalla fede: troppe volte magari viviamo come se Gesù non ci fosse e siamo schiavi di altre “divinità” (la nostra lingua, sempre troppo lunga, i nostri desideri, non sempre limpidi e puri, le nostre azioni all’insegna dell’egoismo, i nostri rapporti con gli altri dominati dall’interesse o dalla “simpatia”….), abbiamo tante “foreste” e “territori ancora inesplorati” dentro di noi che dobbiamo “conquistare” al Signore perché “divengano un’offerta gradita, santificata dallo Spirito Santo” come raccomandava san Paolo ai Romani.

Prova a scoprire davanti al Signore quali sono questi angoli bui nella tua vita….

 (pausa di riflessione)

 Se oggi sei qui, penso che, al di là delle foreste che avrai scoperto, ci sia dentro di te almeno la voglia di essere discepolo di Gesù e quindi anche una buona parte di fede che quindi ti deve spingere ad annunciarlo a tutti i fratelli.

Chiediti allora se qualche volta pensi anche a quelli che il Signore mette ogni giorno sul tuo cammino e senti dentro di te il desiderio di parlare loro del Signore, con il tuo modo di fare, con le tue scelte, i giudizi che dai, le parole che dici?

Non ti viene voglia di dire a tutti la gioia di essere cristiano? O forse per te non è una gioia?

Molti fratelli attendono da te un segno per poter crescere nella fede, aspettano da te un gesto che li possa aiutare a diventare più buoni e  più vicini al Signore.

Continua allora a riflettere sulla tua missionarietà, ma soprattutto sulla tua fede e non dimenticarti di sentire vicino in questo momento tutti i nostri missionari che nel mondo stanno donando la loro vita per portare a tutti la gioia di essere cristiani che loro per primi hanno sperimentato.

                                                                                 Don Mario 

 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 23 Ottobre 2013 22:20 )