Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | Ma non vorrà mica prenderci in giro?

Ma non vorrà mica prenderci in giro?

II dopo Pentecoste ambr. C

 

MA NON VORRÀ MICA PRENDERCI IN GIRO?

 consumismo_5302.jpg

Oggi qui davanti al Signore, abbiamo diversi motivi per cui pregare, diversi argomenti da presentare al Signore e di cui parlargli.

Innanzitutto non possiamo dimenticare i nostri ragazzi che ieri hanno ricevuto la Cresima, loro sono diventati più “ricchi” ma anche noi, perché, attraverso il Corpo Mistico di Gesù, partecipiamo di questa Grazia che è stata effusa sui nostri ragazzi.

Ricordiamoli al Signore perché possano essere sempre docili all’azione dello Spirito e possano scoprire il senso della loro vita e il sogno che il Signore ha su ciascuno di loro.

Preghiamo poi in comunione con il Papa, quasi prolungando la meravigliosa esperienza dell’ora di adorazione “planetaria” che ieri pomeriggio ha accomunato milioni di fedeli nelle cattedrali in tutto il mondo, è bello sapere che da questa terra è salita al cielo una grande preghiera davanti all’Eucarestia.

Oggi poi ricorre il terzo anniversario del martirio di Mons. Luigi Padovese, un uomo che ha dato la vita per il dialogo e la pace tra i popoli e in maniera particolare con il mondo islamico, ieri sera in un incontro molto commovente alcuni che lo hanno conosciuto ce lo hanno ricordato, anche noi oggi ricordiamolo al Signore ma soprattutto chiediamo a lui che continui ad assisterci nel nostro cammino e che sappiamo essere sempre anche noi strumenti di comunione.

Ciascuno di noi poi ha i suoi motivi per pregare il Signore, e soprattutto per rinnovare la nostra fiducia in Lui, come ci suggerisce il Vangelo di ieri.

Forse troppe volte ci affanniamo per le cose di questo mondo, come se tutto dipendesse da noi e dimentichiamo che siamo figli di un Padre buono che ci ama, ci cura, ci protegge e ci aiuta.

Certo che, in tempi così difficili dal punto di vista economico dove molti fanno fatica ad arrivare a fine mese, sembra quasi una presa in giro sentire il Vangelo di ieri che dice: “non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete…..”

Ma il Signore nel Vangelo ci vuole ricordare che dobbiamo risolvere i problemi alla radice, e cioè, ci chiede di fare  una giusta scala di valori e di priorità, prima il Signore e poi tutto il resto, se siamo arrivati a questo punto di crisi e di disastro economico, è forse perché abbiamo messo prima tutto il resto e poi il Signore e così ci siamo imbarcati in un “falso” benessere e opulenza creando gravi differenze e povertà che ora poco alla volta ci chiedono il conto…. Se avessimo scelto per primo il Signore, la nostra vita sarebbe stata certamente più armonica e serena …..

Certo, ora dobbiamo darci da fare, a volte, anche per cercare di sopravvivere e in questo momento pensiamo anche alle numerose famiglie che fanno davvero tanta fatica, ma non dobbiamo più dimenticare che il Signore va sempre messo al primo posto, che la cosa più importante non è lo spred o il conto in banca ma è vivere e fare la sua volontà e quindi fare le scelte di ogni giorno con il suo stile, sapendo che Lui ha creato il mondo per tutti gli uomini e non solo per alcuni….. allora ci prepareremo un futuro migliore, più umano e quindi più cristiano e allora le parole ascoltate nel Vangelo di ieri non suoneranno più come una beffa ma come una profonda verità.

 

Don Mario  

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 03 Giugno 2013 21:14 )