Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | La Cina ( e non solo) è Vicina

La Cina ( e non solo) è Vicina

 

Giornata Missionaria

 

LA CINA (E NON SOLO) È VICINA

 

522926_428686060521928_145200939_n.jpg

 

 

La Giornata missionaria di domenica ci ha ricordato che ogni cristiano deve sentire dentro di sé la spinta ad essere missionario, a portare dovunque l’annuncio della gioia che deriva dalla fede in Gesù. Quando si pensa alla Missione si pensa sempre a luoghi lontani tanti chilometri a foreste inesplorate ma innanzi tutto dobbiamo cominciare da noi stessi, andare nelle “foreste” del nostro cuore, nei paesi “lontani” della nostra vita di tutti i giorni per portare la luce di Cristo.

Ci sono momenti, situazioni, rapporti nella nostra vita che non sono ancora illuminati dalla fede: troppe volte magari viviamo come se Gesù non ci fosse e siamo schiavi di altre “divinità” (la nostra lingua, sempre troppo lunga, i nostri desideri, non sempre limpidi e puri, le nostre azioni all’insegna dell’egoismo, i nostri rapporti con gli altri dominati dall’interesse o dalla “simpatia”….), abbiamo tante “foreste” e “territori ancora inesplorati” dentro di noi che dobbiamo “conquistare” al Signore e illuminarli con la Sua luce per poter dare gioia e serenità al nostro cuore, ai nostri pensieri, al nostro agire quotidiano.

Prova a scoprire davanti al Signore quali sono questi angoli bui nella tua vita….

Se oggi sei qui, penso che, al di là delle foreste che avrai scoperto, ci sia dentro di te almeno la voglia di essere discepolo di Gesù e quindi anche una buona parte di fede che quindi ti deve spingere ad annunciarla anche agli altri. Ecco l’altro impegno missionario.

Chiediti allora se qualche volta pensi anche a quelli che il Signore mette ogni giorno sul tuo cammino e come Filippo negli Atti degli Apostoli senti dentro di te il desiderio di parlare loro del Signore, con il tuo modo di fare, con le tue scelte, i giudizi che dai, le parole che dici?

Non ti viene voglia di dire a tutti la gioia di essere cristiano?

O forse per te non è una gioia?

Molti fratelli attendono da te un segno per poter crescere nella fede, aspettano da te un gesto che li possa aiutare a diventare più buoni e  più vicini al Signore. Non c’è bisogno di andare lontano, esci, per la strada, guardati intorno… sei già in missione, tutti quegli uomini e donne che fanno del lavoro la loro unica religione, il loro unico scopo nella vita… non hanno forse bisogno di ascoltare una Parola che li libera, che dà un senso alla loro esistenza? Non c’è bisogno di fare come Matteo Ricci o Giulio Aleni di andare nella lontana Cina, o nella più vicina Africa, siamo fortunati, è la Cina che è venuta qui, i nostri fratelli africani (quelli più fortunati che non lasciano la vita nel Mare Nostrum) sono qui in mezzo a noi…

Ogni giorno incontro ragazzi, adolescenti, giovani che non conoscono il Signore e che forse aspettano solo che qualcuno gliene parli, glielo faccia incontrare, e non sono solo cinesi o africani o sud Americani…

Continua allora a riflettere sul tuo impegno missionario, ma soprattutto sulla tua fede e non dimenticarti di sentire vicino in questo momento tutti i nostri missionari che nel mondo stanno donando la loro vita per portare a tutti la gioia di essere cristiani, quella gioia che  loro stessi per primi hanno sperimentato.

Sentiamo vicino a noi in questo momento anche tutti i nostri missionari che sono già in cielo e preghiamoli perché ci aiutino ad essere anche noi un po’ più forti nella fede e nella testimonianza.

 

 

                                                                                 Don Mario 

Ultimo aggiornamento ( Sabato 27 Ottobre 2012 12:26 )