Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | I SEGNI DELLA MISERICORDIA

I SEGNI DELLA MISERICORDIA

 

Domenica in Albis C Ambr.
I SEGNI DELLA MISERICORDIA
 
“Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!”: Gesù, dice questo a s. Tommaso che non credeva alle parole dei discepoli e aveva voluto “toccare con mano”.
Siamo noi quei beati di cui parla il Vangelo di domenica, noi che crediamo in Lui attraverso la testimonianza della Chiesa, noi che crediamo che Lui continua ad essere presente attraverso i Segni Sacramentali come l’Eucarestia che anche oggi siamo venuti a contemplare.
Siamo Beati perché ci accorgiamo che Gesù ci è sempre vicino. Per questo motivo il cristiano non deve avere paura (“Non temere” continua a ripetere Gesù risorto ai suoi discepoli), deve guardare al futuro con fiducia, il credente deve essere pieno di gioia, di entusiasmo e di serenità anche nelle difficoltà perché si accorge di questa confortante presenza del Risorto che può incontrare ogni “ottavo giorno” cioè la Domenica.
Ma non solo, il cristiano sa anche che lui stesso, con la sua vita, con la sua testimonianza, con il suo stile, diventa un segno per tutti quei “Tommaso” che hanno bisogno di vedere.
Oggi allora devi sentire la grande responsabilità non solo di credere ma anche di aiutare a credere, non solo di parlare di Gesù ma di mostrarlo con dei segni concreti di amore perché le ferite e le piaghe di Gesù che “Tommaso” vuol toccare non sono altro che i segni concreti del suo amore per noi.
Pensa quante parole vengono dette su Gesù anche in questo momento nel mondo, prediche, catechismi, libri, film, canzoni… ma pensa anche quanti cristiani lo annunciano con il loro impegno e testimonianza di vita, verso i poveri, i malati, nella politica e nel mondo del lavoro, nella scuola e in famiglia, quante conversioni possono provocare i segni concreti della presenza del Risorto…. Ma anche, purtroppo, quanti allontanamenti e quanti disastri e scandali fanno i segni di male …
Anche tu allora puoi e devi rendere presente e visibile Gesù perché oggi Lui parla ai tuoi fratelli solo con la tua bocca, oggi ama i poveri solo con il tuo cuore e cammina per le strade della tua città solo con le tue gambe.
Se tu non vuoi, quanti non riusciranno ad incontrare il Signore!
Questo momento di adorazione settimanale allora è importante per riconoscere Gesù presente ma anche per ricordarti della tua responsabilità nei confronti dei fratelli.
A te, beato, oggi, si rivolge di nuovo Gesù per affidarti questo compito grande: essere segno vivo del suo amore misericordioso per gli uomini. Chiedi il suo aiuto per poter adempiere ad un compito così impegnativo ma anche così bello e grande.
La vita (eterna) di tanti fratelli, dipende anche da te!
 
Domenica abbiamo celebrato anche la Festa della Divina Misericordia: ecco le parole di Gesù a Suor Faustina
"Figlia mia, parla a tutto il mondo della Mia inconcepibile Misericordia. Desidero che la festa della Misericordia sia riparo e rifugio per tutte le anime e specialmente per i poveri peccatori. In quel giorno sono aperte le viscere della mia Misericordia, riverserò tutto un mare di grazie sulle anime che si avvicinano alla sorgente della Mia Misericordia. L'anima che si accosta alla confessione ed alla santa Comunione, riceve il perdono totale delle colpe e delle pene. In quel giorno sono aperti tutti i canali attraverso i quali scorrono le grazie divine. Nessuna anima abbia paura di accostarsi a Me, anche se i suoi peccati fossero come lo scarlatto. La Mia Misericordia è talmente grande che nessuna mente, nè umana, nè angelica, riuscirà a sviscerarla pur impegnandovisi per tutta l'eternità. Tutto quello che esiste è uscito dalle viscere della Mia Misericordia.Ogni anima nei Miei confronti rifletterà per tutta l'eternità sul Mio amore e sulla Mia Misericordia. La festa della Misericordia è uscita dalle mie viscere; desidero che venga celebrata solennemente la prima domenica dopo Pasqua. L'umanità non troverà pace finchè non si rivolgerà alla sorgente della Mia Misericordia.”
                                                                                                          Don Mario
p.s.: Se hai bisogno cercami! 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 06 Dicembre 2010 21:10 )