Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | Andata e Ritorno

Andata e Ritorno

 

ANDATA E RITORNO

Untitled1.jpg

Due giorni di cammino ha fatto il funzionario del Re del Vangelo di ieri, uno per andare da Gesù, e tutto questo perché? Perché suo figlio stava per morire, aveva bisogno che Gesù scendesse…. anche noi oggi abbiamo fatto un cammino per venire fin qui, non è durato certamente due giorni ma siamo qui davanti al Signore presente nel “segno” dell’Eucaristia per aprire il nostro cuore, e certamente abbiamo anche noi bisogno di Lui, gli chiediamo di “scendere” a visitarci, a portare la Vita.

Ci siamo messi in cammino perché ci fidiamo della sua Parola che è fonte della vita e ritornando al Vangelo di ieri, ci accorgiamo che è bastata una Parola, con una Parola infatti Gesù ha detto al funzionario di tornare a casa perché suo figlio era guarito.

Chissà cosa sarà passato nella testa di quel padre mentre tornava a casa dal suo figlio che aveva lasciato moribondo! Così anche per noi, nel cammino della vita: tanti sono i dubbi, le domande, le stanchezze, le richieste, le speranze che in ogni momento sorgono e si accavallano nella nostra mente e nel nostro cuore, eppure dobbiamo continuare a camminare. Riprendiamo ogni giorno la nostra strada e più andiamo avanti sulla sua Parola, più incontriamo chi ci conferma della presenza reale e provvidente del nostro Dio.

Anche noi, se abbiamo occhi per vedere, possiamo constatare ogni giorno che il Signore c’è e ci vuole bene.

Noi vorremmo prima vedere e poi credere ma la logica della fede è proprio inversa.

Se credi, vedi!

Quanti anche oggi cercano disperatamente dei “segni”, rincorrono le più disparate notizie di prodigi, di miracoli, di rivelazioni ma eccolo davanti a te il “segno” più grande e più bello: Gesù che si dona nell’Eucaristia, fonte di vita eterna.

Ma sarà proprio vero che basta una Sua Parola? Il funzionario vuol sapere l’ora esatta in cui il figlio è guarito e constata che è proprio nell’ora in cui Gesù ha pronunciato la Parola.  Dio è sempre puntuale! Lui eterno si è fatto tempo per incontrarci. Proprio come adesso, in quest’ora! Quell’Ora a cui però allude il Vangelo è l’ora della croce, l’ora alla quale il vangelo di Giovanni rimanda come punto di arrivo di tutta la vita e la missione di Gesù.

Ed ecco: l’Eucaristia, la fonte della vita, il dono di quell’Ora è qui di fronte a te.

Parla con il Signore di tutto ciò che pesa sul tuo cuore, apriti all’ascolto della sua Parola e chiedi il miracolo più grande, quello della fede.

Allora, dopo averlo ascoltato, anche oggi potrai continuare il tuo cammino, ritornare come il padre di ieri, alle cose di tutti i giorni, nella tua casa, guardare con occhi diversi i tuoi famigliari, riscoprire la gioia della loro presenza, della loro vita accanto alla tua come un dono del Signore, come un “segno” del suo amore e insieme rendere grazie a Dio e rinnovare la tua fede in Lui.

Don Mario 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 03 Febbraio 2017 20:20 )