Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Adorazioni | LUI PREGA, TU PREGHI, NOI PREGHIAMO

LUI PREGA, TU PREGHI, NOI PREGHIAMO

 

VII di Pasqua C2

LUI PREGA, TU PREGHI, NOI PREGHIAMO

ges_preghiera.jpg

 

Ricordando il Vangelo di Domenica, in questo momento in cui ci troviamo di fronte a Gesù per pregare, è bello, commovente, rassicurante e fonte di una grande gioia, sapere che un giorno Gesù, “alzati gli occhi al cielo, disse: Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola…”.

Un giorno Gesù ha pregato per te, per me, ha parlato di noi con il Padre, ci ha raccomandati a Lui, siamo stati nei suoi pensieri, nel suo Cuore.

Quanto siamo indegni di tutta questa sua attenzione e in questo momento per prima cosa dobbiamo esprimere il nostro grazie più profondo e sincero per la Sua Preghiera.

La nostra preghiera è quindi una risposta alla sua preghiera.

Se ci pensiamo bene, però, non solo quel giorno Gesù ha pregato per noi ma sempre, ogni giorno, in ogni istante noi siamo nel suo Cuore, nei suoi pensieri perché, salendo al cielo, Lui ci ha promesso che non ci avrebbe mai lasciati soli, e poi perché continua la sua preghiera per tutti i suoi discepoli per mezzo della sua Chiesa e della tua preghiera. Quando tu apri il tuo cuore verso i fratelli e preghi il Padre, è Gesù che prega in te e con te e tu continui quella preghiera infinita iniziata quel giorno da Gesù. Dal Vangelo, poi, sappiamo anche che cosa chiede Gesù per noi, qual è il contenuto della sua preghiera.

E non ci può essere nulla di più bello e di più grande da chiedere al Padre sennonché “siano tutti una cosa sola, come il Padre e il Figlio”. Gesù, pieno di gioia per l’amore che aveva dal Padre e per il Padre, vuole che tutti noi possiamo godere di una gioia così grande e per questo prega.

Come lo capisco Gesù! Perché quando anch’io ripenso ai miei genitori, per esempio, sento una grande gioia e una grande riconoscenza nei loro confronti perché per me sono stati un meraviglioso esempio di amore, con le loro cure, con la loro fedeltà e con la loro profonda unione. Pensando alla mia famiglia, tante volte prego il Signore perché tanti possano avere la fortuna di un dono così grande come io ho avuto e, così, se lo posso dire io di una famiglia umana, prova ad immaginare la gioia di Gesù per la sua “Famiglia Divina”.

A questo punto però forse un’ombra scende sulla nostra riflessione ed è il pensiero, purtroppo reale e concreto, per tutte quelle famiglie, e sono tante purtroppo, in cui non si riesce a sperimentare questa gioia…. Ma non fermiamoci troppo e non rattristiamoci perché, nella sua preghiera, Gesù ci fa capire che tutti possono sperimentare questa gioia perché va al di là della nostra esperienza di una famiglia umana perché i suoi discepoli entrano a far parte della Sua Famiglia e quindi diventano fratelli tra loro e contemplano la sua gloria.

Continua il tuo colloquio personale con Gesù, partecipa alla sua preghiera per tutti i fratelli, ringrazialo del suo amore, chiedigli cosa ha in mente per te, come ti vuole, e soprattutto di aiutarti a realizzare questo suo progetto.

                                                                                                            Don Mario

PER I RAGAZZI DELLA PRIMA COMUNIONE: Oggi, qui davanti a Gesù ringrazialo per il dono dell’Eucarestia, ricorda quello che ti ha detto il giorno della prima comunione e magari parlane con il don. Chissà Gesù come è contento di vederti qui……

Ultimo aggiornamento ( Sabato 07 Maggio 2016 12:00 )